Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - Fax 051.545.514 - info@edizionimartina.com


Il carrello Ŕ vuoto
Autore Titolo Indice

 

Sei il visitatore numero

 




Autori
Presentazione
Forewords
Indice
La prima pagina
 

Norme igieniche in Odontoiatria - indicazioni, tossicologia ed aspetti medico-legali

AGOLINI G.- GATTI M. - RAITANO A. - RINI M.S.- SANCIN A.M.- SANDON└ G.

Pag. 144 - illustrazioni a colori

ISBN 978-88-7572-068-1

SCONTO NEWSLETTER

Prezzo di copertina 70,00 €

Prezzo scontato

40,00 €

SPESE DI CONSEGNA INCLUSE (Italia)

Quantità


Autori

Giuliano AGOLINI

Medico farmacologo, allievo del prof. E. Trabucchi di Milano, si è occupato per anni a livello europeo, di attrezzature per la trasfusione del sangue e derivati, sostituti del plasma umano, di soluzioni per l'emodialisi e circolazione extracorporea e di soluzioni parenterali per pazienti in trattamento intensivo.

Nell'ultimo decennio si è dedicato a tempo pieno dello sviluppo e dell'utilizzo razionale dei disinfettanti per una più efficace prevenzione a livello ospedaliero, industriale e domestico.

Gli ultimi volumi pubblicati hanno focalizzato l'annoso problema delle malattie emergenti e riemergenti, specie di origine virale, e della relativa prevenzione.


Marcello GATTI

Marcello Gatti laureato in Scienze Biologiche, Medicina e Chirurgia e specializzato in Virologia presso l'Università degli Studi di Bologna.

Professore Associato di Microbiologia nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Bologna, titolare degli insegnamenti di:
a) Microbiologia e Microbiologia clinica nel Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria;
b) Microbiologia e Microbiologia applicata nel Corso di Laurea in Igiene Dentale;
c) Microbiologia medica nel Corso di Laurea in Fisioterapia.

Già Direttore della Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia e titolare dell'insegnamento di Parassitologia medica.

Nel maggio 2007 il Ministero della Salute l'ha nominato membro del Gruppo di lavoro per la stesura del documento "Linee guida per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età evolutiva".

È autore di oltre 150 pubblicazioni scientifiche ed è stato relatore in numerosi congressi nazionali ed internazionali.


Antonino RAITANO

Laureato a Padova nel 1962 in Farmacia, dopo esperienze professionali in farmacia rurale e nell'Industria farmaceutica, ha intrapreso nel 1966 la carriera ospedaliera (Verona, Legnago, Padova) per approdare come Dirigente alla Farmacia S. Orsola del Policlinico di Bologna nel 1978.

È specializzato in diverse discipline farmaceutiche. Ha insegnato per trent'anni nelle Scuole per Infermieri Professionali.

È stato fino al 2003 docente universitario presso Scuole di Specializzazione di Medicina e Chirurgia e di Farmacia (Padova, Bologna, Modena, Perugia, Messina).

Autore di numerose pubblicazioni scientifiche e letterarie (su temi di nutrizione, clinica, igiene ospedaliera, farmacoeconomia ecc.), oggi, in pensione continua l’attività di divulgatore e scrittore collaborando con vari Editori.


Maria Sofia RINI

Laureata con lode in Odontoiatria e Protesi Dentaria - Università di Bologna. Novembre 2004 Master Post-Univ. "La Responsabilità Professionale del medico nelle prestazioni specialistiche ambulatoriali" Roma - Sede Suprema Corte di Cassazione.

Perfezionamento in "Odontologia forense" - Università di Firenze. Dal 1989 Iscritta all'Albo dei CT del Tribunale di Bologna. Dall'A.A. 2005/06 al 2007/08 Professore a c. - Dip. di Scienze Odontostomatologiche - Univ. di Bologna.

Dal 1991/92 al 1996/97 Docente - Scuola Infermieri - Ospedale Maggiore di Bologna e sede distaccata di S. Pietro in Casale (BO). Dal 1988 Odontoiatra - Specialista Ambulatoriale Interno.

2003-2006 Coordinatore di Branca - Odontoiatria - Distr. Pianura Est - AUSL di Bologna.

2007 Referente per la Specialistica - Distr. Pianura Est - AUSL di Bologna. Libero professionista.

Relatrice in diverse manifestazioni scientifiche a carattere locale e nazionale.

Autrice di molteplici pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali.


Adriano M. SANCIN

Ginecologo-ostetrico, negli anni Sessanta fu allievo del famoso chirurgo prof. F. Novak a Lubiana e nel 1985 iniziò la sua carriera nei tropici presso l'Ospedale Albert Schweitzer di Lambaréné.

In seguito operò in vari paesi dell'Africa sub-Sahariana in guerra ed in pace.

Specializzato in medicina tropicale presso la LéW8 London School of Hygiene and Tropical Medicine, è autore di vari lavori di carattere storico e scientifico nonché di alcuni volumi dedicati alle principali patologie tropicali.

Negli ultimi anni si è dedicato all'insegnamento presso varie istituzioni africane.

È membro della Royal Society of Tropical Medicine di Londra.


Gregorio SANDONÀ

Laureato in Farmacia - Padova. Master in Comunicazione e Marketing Farmaceutico - Parigi - F. Management e Sviluppo Direzionale - Bocconi - MI. Fondamenti di Finanza e Contabilità - Winch - MI. Business Plan e Gestione delle Risorse Umane - Bocconi - MI. Smith Kline and French - Roussel Maestretti - ISF ospedaliere. Smith and Nephew - Product Manager. Galderma (L'Oreal/Nestlè) - Direttore Marketing e Vendite - Direttore Generale. Eurospital - Direttore Divisione Farmacie.

 

Presentazione

L'idea di scrivere questo testo è nata dalla considerazione che nella pratica clinica oltre all'abilità diagnostica ed operativa di ciascun sanitario, risulta fondamentale una conoscenza approfondita delle più elementari norme igieniche che governano la professione odontoiatrica.

In un epoca in cui più complessi sono le problematiche igieniche ed i rapporti socio-economici, in cui le evidenze sanitarie legate all'immigrazione, alla povertà, ai disagi sociali ed alla promiscuità rappresentano un buon elemento di sviluppo per patologie infettive emergenti o riemergenti (TBC, Epatiti, Aids), parlare in maniera semplice e concreta di sanificazione, disinfezione e sterilizzazione ci è sembrato importante.

Tale dato oggettivo assume caratteristiche particolari in campo odontoiatrico, la dove si opera al di fuori di strutture per così dire "protette", con strumenti e materiali tecnologicamente sempre più avanzati, ma, spesso proprio per questo, più complessi e delicati da trattare e gestire da un punto di vista igienico. Non bisogna dimenticare, poi, che il cavo orale è un ecosistema piuttosto complesso.

Da alcuni decenni gli odontoiatri sono sempre più attenti alle problematiche infettive, ma frequentemente tale aspetto (anche perché affrontato complessivamente in maniera inadeguata da un punto di vista legislativo) ha trovato supporti in strumenti informativi commerciali, lasciando ampio spazio all'autodeterminazione, alle conoscenze ed alla coscienza di ciascun professionista.

Non è mai mancata una consolidata letteratura scientifica, ma molti odontoiatri si sono sentiti confusi ed impreparati al momento dell'acquisto di prodotti o di attrezzature specifiche. Molteplici e diverse sono le offerte commerciali. Altri invece hanno delegato tale compito al personale di studio, con il risultato di acquisti poco efficaci, ma in compenso molto costosi.

Utile ci è parsa, quindi, un'analisi accurata dei mezzi chimici e fisici a nostra disposizione attraverso l'esperienza e le conoscenze di professionisti diversi per formazione ed estrazione (un farmacologo, un microbiologo, due farmacisti, un odontoiatra ed uno specialista in malattie tropicali), da anni impegnati nel settore della prevenzione e del controllo della trasmissione crociata di malattie infettive.

Un corretto ed appropriato utilizzo dei mezzi a nostra disposizione garantisce una migliore tutela della salute dei pazienti e degli stessi operatori, limitando nel contempo gli effetti tossici ed indesiderati e, in alcuni casi, anche la possibilità di spiacevoli risvolti medico-legali.

La mancata o errata applicazione di procedure precauzionali corrette e convalidate configura gli estremi del comportamento colposo. Ci è parso utile affrontare il problema anche da questo punto di vista, in quanto la prevenzione delle malattie infettive, al di la dei doveri etici e morali di ciascun sanitario, rappresenta un preciso obbligo di legge.

Maria Sofia Rini

Forewords

To prevent transmission of bacteria and viral infections from patients to dental surgeons and co-workers, from health care workers to patients, and from patients to patients, some specific measures in odontoiatric and maxillo-facial surgery, in general dentistry practice and odontotechnic laboratories, are required.

The Authors examine the complex aspect of the oral cavity microbiology, and the conditions of the mouth flora in normal and pathologic situations. They also analyze the epidemiological aspect of emerging and re-emerging infectious diseases, which appear to be more and more frequent in an era of increasing globalization characterised by the movement of populations from countries that lack prevention strategies.

Chapter IV analyzes physical and chemical sterilization of instruments, and the use of biocides for antiviral decontamination and disinfection of the same items.

Chapter V examines the best available procedures for cleaning and disinfection of operating theatres' surfaces.
Special interest is paid to the disinfection of water circulating in dental units. A separate chapter deals with disposal of wastes and their toxicity in compliance with updated European rules.

Due to frequent accidental exposures of health care workers to HIV virus, a detailed preventive plan and post-exposure prophylaxis guidelines have been described, to face potential professional contamination, in Chapter XIII.

In order to accomplish regulations and to avoid that negligent behaviours cause foreseeable harmful events, medical forensic problems related to physical and chemical sterilization practices are discussed in detail.

The large use of tables in this book will allow its readers to compare different issues and to focus on these issues more easily.

References to specific web sites on the Internet are provided as a service to our readers but do not constitute or imply endorsement of these organizations by the Authors. Furthermore, we are not responsible for the contents of pages found at these sites. URL addresses listed in this book were current as of the date of publication.

AM Sancin, MD DGO DHTM

Indice

RINGRAZIAMENTI

FOREWORD

PRESENTAZIONE

ABBREVIAZIONI ED ACRONIMI

UNITÀ DI MISURA

CAPITOLO 1. - Le malattie infettive

1.1 Introduzione e premesse
1.2 Microbiologia del cavo orale e relative considerazioni
1.3 Misure di protezione e biocidi
1.4 Malattie infettive emergenti o riemergenti

CAPITOLO 2. - I mezzi barriera

CAPITOLO 3. – Il lavaggio delle mani

CAPITOLO 4. - La decontaminazione, la disinfezione e la sterilizzazione degli strumenti

4.1 La decontaminazione
4.2 Il lavaggio
4.3 La sterilizzazione
4.4 L'alta disinfezione (chemiosterilizzazione)
4.5 La disinfezione vera e propria

CAPITOLO 5. - La disinfezione ambientale

5.1 La disinfezione dell'ambulatorio odontoiatrico
5.2 I biocidi
5.3 L'aria - veicolo d'infezione

CAPITOLO 6. - I circuiti idrici dei riuniti

6.1 La contaminazione dell'acqua dei riuniti
6.2 Il trattamento dell'acqua dei riuniti

CAPITOLO 7. - L'antisepsi del cavo orale

CAPITOLO 8. - Le cure endodontiche

CAPITOLO 9. - La disinfezione ed il laboratorio odontotecnico

CAPITOLO 10. - Problemi di tollerabilità correlati all'uso dei biocidi in odontoiatria

CAPITOLO 11. – Considerazionisullo smaltimento dei rifiuti

11.1 Aspetti generali
11.2 Aspetti particolari

CAPITOLO 12. - Aspetti medico-legali relativi alla disinfezione ed alla sterilizzazione

CAPITOLO 13. - Profilassi post-esposizione (PEP)

CAPITOLO 14. - Conclusioni

BIBLIOGRAFIA

APPENDICI - Centri antiveleni - Riferimenti normativi

ELENCO DEI WEB-SITES

INDICE ANALITICO

EPILOGO

La prima pagina

CAPITOLO 1. - LE MALATTIE INFETTIVE

1.1 Introduzione e premesse
G. Agolini, A.M. Sancin

To protect patients, employes and employers (proteggere pazienti e staff dentistico) è imperativo in odontoiatria.

Mezzi di difesa essenziali nella pratica clinica odontoiatrica e nel laboratorio odontotecnico sono l'antisepsi, la disinfezione e la sterilizzazione fisica e chimica, in considerazione del fatto che la diffusione di infezioni crociate in ambito odontoiatrico è un rischio ampiamente documentato (1-15). Le infezioni iatrogene sono diverse ed alcune si caratterizzano per l'alta morbosità (HIV, HBV, HCV, TBC ecc.): i soggetti esposti all'infezione non sono solo i pazienti.

Approfondire le conoscenze acquisibili su efficacia e tollerabilità dei vari metodi di trattamento, nonché sui possibili problemi medico-legali, è una necessità per ridurre i rischi sanitari, che non sono pochi.

L'Istituto Superiore di Sanità, Servizio Integrato Epidemiologico dell'Epatite Virale - SIEVE, nell'anno 2000, ha riconosciuto l'attività odontoiatrica tra quelle a maggior rischio riguardo la possibilità di contrarre e trasmettere le epatiti. La possibilità di diffondere altre malattie infettive, parimenti severe, va tenuta sempre presente.

A titolo di mera curiosità si segnala la richiesta sistematica ai donatori AVIS di informazioni relative a cure odontoiatriche negli ultimi sei mesi precedenti il prelievo, oltre ad altri dati anamnestici. Il Notiziario dell'Istituto Superiore di Sanità (16) riporta i questionari conoscitivi relativi all'anno 2004, compilati dalle Strutture Trasfusionali Regionali ed elaborati poi da detto Istituto che coordina, come centro di sorveglianza, il monitoraggio dei marcatori infettivi nelle donazioni di sangue. L'analisi dei fattori di rischio per i diversi marcatori di infezione correla HIV (80,0%) e lue (72,3%) ai "rapporti sessuali occasionali", HBsAg e HCV agli interventi chirurgici (rispettivamente 45,1% e 31,2%) ed alle cure odontoiatriche (rispettivamente 19,7% e 17,8%).

Secondo l'OMS, le malattie infettive sono la prima causa di morte prematura sul pianeta.

È vero che molte patologie infettive sono caratteristiche e peculiari di determinate aree geografiche o di particolari condizioni ambientali, socio-economiche, meteo-climatiche ed igieniche (14), ma è indiscutibile che in genere gli ambienti promiscui, ambulatori odontoiatrici e medici, di fatto rappresentano un buon e vario serbatoio microbico.

È fondamentale pertanto condurre l'attività di uno studio medico-chirurgico, ed odontoiatrico in particolare, secondo i canoni della maggior sicurezza possibile. Si devono considerare molteplici aspetti ed elementi progettuali, normativi, costruttivi, funzionali ed organizzativi, sia in ambito pubblico che privato.