Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

SEGUICI SU FACEBOOK

 

GU n. 63 del 10/03/2020
lo sconto online è del 5%

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - WhatsApp 3388677050 - info@edizionimartina.com


Il carrello Ŕ vuoto
Autore Titolo Indice

CENTRO CORSI E.C.M. EDIZIONI MARTINA
  • GNATOLOGIA CLINICA BOLOGNA
    Venerdý 11 e Sabato 12 DICEMBRE 2020
    prof. Sandro PRATI 19 CREDITI E.C.M.

     

 

Sei il visitatore numero

 





Presentazione
Introduzione
Ringraziamenti
Indice
 

Nozioni fondamentali di tecnica ortodontica

FRANCIOLI D.

Pag. 376 - illustrazioni a colori

ISBN 978-88-7572-007-X

FUORI CATALOGO

Prezzo scontato

90,00 €

Quantità


Presentazione

È con vero piacere, che accolgo l'invito da parte del Dott. Daniele Francioli a scrivere una presentazione del suo testo “Nozioni fondamentali di tecnica ortodontia”. Conosco personalmente l’Autore da molti anni e posso testimoniare la serietà professionale in ambito di tecnica ortodontia ed il continuo, fattivo desiderio di aggiornamento culturale.

Il libro concepito dal Dott. Francioli è uno strumento moderno e completo a disposizione di tutti gli operatori del settore specialistico di pertinenza ortodontia. Anche se il volume, per sua natura, si rivolge primariamente agli odontotecnici, anche gli ortodontisti, nonché gli studenti del Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria e gli specializzandi in Ortognatodonzia potranno trarre concreti vantaggi molto dalla consultazione del libro e dall’esame delle illustrazioni in esso contenute. Proprio nell’aspetto iconografico, infatti, estremamente puntuale rispetto ai concetti e alle procedure descritti, con ricchezza di disegni e particolari tecnici, risiede uno dei meriti più evidenti del libro.

Il panorama tracciato in questo testo risulta davvero esauriente, dagli apparecchi di concezione più classica e consegnati da molti anni alla letteratura ortodontia per la loro comprovata efficacia terapeutica, fino ai dispositivi di recente introduzione e più innovativi. Particolarmente gradevole e didatticamente efficace risulta la progettazione per così dire “centripeta” della trattazione, che parte dalla periferia, dai singoli elementi costitutivi degli apparecchi ortodontici, esaminati in tutti i particolari, e dalla nomenclatura specialistica, per poi incentrarsi nella descrizione di apparecchiature, sia fisse che rimovibili, sia ortopediche che funzionali, caratterizzate da sempre maggiore complessità.

Vorrei infine sottolineare ancora una volta la sistematicità e l’ottima organizzazione del manuale e la qualità della veste tipografica che lo accompagna. Sono certa che l’obbiettivo che Daniele Francioli si era proposto nell’introduzione al libro, quello di approntare un testo che aiuti il lettore a trovare ciò che sta cercando, sia stato centrato appieno con la pubblicazione di uno strumento di divulgazione tecnico-scientifica di notevolissimo valore.

Prof.ssa Isabella Tollaro

Titolare dell'Insegnamento
di Ortognatodonzia e Gnatologia
Direttore del Dipartimento
di Odontostomatologia
Università degli Studi di Firenze

Introduzione

Lo scopo di un libro deve essere quello di aiutare il lettore a trovare ciò che sta cercando; con questo lavoro mi auguro, pertanto, di confermare questa mia opinione.

Questo libro si basa sulla materia della tecnica ortodontica; oltre alle generalità di ogni apparecchio, vi vengono accuratamente descritti i particolari di ogni sua fase lavorativa, costituendo così un utile strumento di lavoro per quelle persone che si occupano di tecnica ortodontica, sia a livello scolastico che professionale. La lettura del testo può riuscire utile sia allo studente della scuola Odontotecnica che intende approfondire la materia ortodontica, sia all'Odontotecnico che desidera intraprendere la professione, ma che non dispone delle basi ortognatodontiche per iniziare. Anche il Medico Ortodontista che intende ottimizzare la sua prestazione, che dunque ha necessità di realizzare dispositivi immediati (o di idearne di nuovi), dovrebbe trarre vantaggio da questo lavoro, così come lo Studente del corso di Laurea in Odontoiatria il quale, necessariamente, deve disporre di una preparazione tecnica di base. Così, infine, l'insegnante di questa disciplina oltreché, ancora, qualsiasi appassionato ed aggiornato odontotecnico.

Il testo si divide in due parti. La prima parte affronta argomenti ritenuti indispensabili per approcciare la materia: informazioni generali sulla storia dell'Ortodonzia, definizione di Ortognatodonzia, trattamento delle malocclusioni ortognatodontiche, sistemi di nomenclatura, i materiali ed i macchinari utilizzati in ortodonzia. Completa la sezione, una descrizione degli strumenti utilizzati nelle varie fasi di lavoro.

La seconda parte del libro è interamente dedicata alla descrizione dettagliata, "step-by-step", di molti dispositivi citati.

Per alleggerire la lettura, ho ritenuto fosse piacevole inserire all'inizio di ogni capitolo delle frasi filosofiche che spero troviate interessanti.

Questo libro è frutto di 28 anni di attività professionale, 17 anni di didattica e di costante ricerca scientifica e merceologica. A lavoro concluso, sono però assalito da numerosi dubbi.

Quasi non comprendo l'intima motivazione che abbia potuto spingermi alla compilazione di un testo, disattendendo l'indole pragmatica che, da sempre, mi rende incline allo studio ed alla realizzazione di meccaniche ortodontiche. Ho capito che scrivere è molto difficile.

Adesso che ho terminato ritengo questo libro un'opera artistica, non solo per il corredo di apparato iconografico necessario all'apprendimento, ma soprattutto per le illustrazioni, disegnate a mano, che esemplificano i componenti più usati in ortodonzia.

Infine, vorrei scusarmi con il lettore se ho trascurato alcuni argomenti, se ne ho trattati alcuni in modo superficiale ed altri in maniera più approfondita. Il mio lavoro risulterà certamente incompleto ma il mio scopo era quello di fornire "nozioni fondamentali di tecnica ortodontica" intorno ai dispositivi più usati e divulgare informazioni generali riguardanti gli apparecchi meno richiesti.

Firenze, 7 gennaio 2004

 

Daniele Francioli

Ringraziamenti

In una società come la nostra, così altruista, generosa e solidale a parole ma, così indifferente, ipocrita ed egoista nei fatti, la presenza di persone come quelle menzionate di seguito che, in un modo o, nell'altro hanno contribuito a dar forma a questo mio libro, ci aiuta a sperare in qualcosa di ancora buono negli uomini e pertanto, vorrei poter trovare per ognuna di queste, le parole giuste per esprimere la mia più profonda riconoscenza e gratitudine:

ai miei professori di laboratorio, che hanno valorizzato le mie doti manuali - ai miei maestri di tecnica ortodontica, che mi hanno spiegato le basi di ortodontotecnica - ai docenti dell'Università, che mi hanno preparato alla clinica - ai miei collaboratori ed agli studenti che hanno effettuato gli "stage" presso il mio laboratorio, quali autori dei disegni contenuti nel libro.

al Dott. Nerio Pantaloni, per l'entusiasmo dimostratomi in questa nuova impresa e per avermi gentilmente ospitato, dandomi più volte libero accesso nella sua biblioteca storica, dalla quale ho appreso utili informazioni per lo sviluppo del libro.

alla Prof.ssa Isabella Tollaro che, con estrema cortesia si è presa il disturbo, non di poco conto, di redigermi la presentazione del libro, trovandola, a mia sorpresa, così prestigiosa, che mi ha procurato un' immensa gioia.

al Dr. Alfredo Martina, per aver creduto nel mio libro; per la pubblicazione dello stesso e, per la notevole pazienza avuta nell'attendere che lo stesso, fosse portato a compimento, cosa che, ha richiesto un tempo incredibilmente lungo.

a mia moglie Antonella, la persona più grande e più importante della mia vita, alla quale rivolgo un grandioso ed amoroso grazie per il suo incessante aiuto, determinante sostegno e influenza, per la sensibilità e l'amore dimostratomi nei momenti sicuramente difficili affrontati in questa esperienza.

Infine, a mio padre Lamberto venuto a mancare un anno fa, che mi ha sempre assecondato nelle mie scelte professionali.

Un grazie ancora a tutti, grazie. É una parola antica, questa: ma c'è dentro tutto il mio cuore!

Daniele Francioli

Indice

CAPITOLO 1.
SISTEMI DI NOMENCLATURA

Introduzione

Sistema Zsgmondy

Sistema Hadarup

Sistema A.D.A.

Sistema F.D.I.


CAPITOLO 2.
MERCEOLOGIA

Introduzione

Macchinari

Attrezzature

Materiali di consumo


CAPITOLO 3.
INTRODUZIONE ALL’ORTODONZIA

Definizione di ortodonzia

Definizione di armonia

Diagnosi

Storia delle classificazioni delle malocclusioni

Storia dell'ortodonzia


CAPITOLO 4.
MODELLI IN GESSO

Sviluppo impronte

Modelli di lavoro

Modelli gipsoteca

Zoccolatori ortodontica

Cerniere Daniel

Montaggio modelli in occlusionfix


CAPITOLO 5.
DISPOSITIVI RIMOVIBILI

Storia dei dispositivi ortodontici mobili

Terapie con la placca di Schwarz

Generalità della placca

Corpo della placca


CAPITOLO 6.
ELEMENTI DI RITENZIONE

Introduzione

Ganci:

1) Gancio di Adams

2) Gancio di Adams a sperone unico

3) Gancio di Adams a sperone ausiliario

4) Gancio di Adams incisivo

5) Gancio di Adams con ansa ad U orizzontale6) Gancio di Adams con ansa verticale a forma di S

7) Gancio di Adams modificato Lucchese

8) Gancio di Adams modificato Francioli

9) Gancio di Jackson

10) Gancio a palla

11) Gancio lanceolato

12) Gancio ad aletta in resina

13) Gancio di Crozat

14) Gancio di Duyzing

15) Gancio di Arrow

16) Gancio triangolare

17) Gancio triangolare secondo Zimmer

18) Gancio di Dominique

19) Gancio a filo

20) Gancio a filo con terminale sferico

21) Gancio EO

22) Gancio di Amoric

23) Gancio a farfalla

24) Gancio a J

25) Gancio di Schneemann

26) Gancio triangolare Francioli

27) Gancio Delta di Clark

28) Gancio di Groth

29) Gancio di Korn

30) Gancio di Adams modificato per contenzione


CAPITOLO 7.
ARCHI VESTIBOLARI

Introduzione

Arco vestibolare semplice

Retrattore Roberts

Arco labiale con molla a grembiule

Arco con anse ad U orizzontale e ponte anatomico

Arco di retrazione inferiore

Arco vestibolare a T

Arco di retrazione monomascellare

Uncini per elastici vestibolari

Arco rivestito di resina

Arco vestibolare modellato

Arco vestibolare continuo

Arco labiale con ansa verticale a "M"

Arco labiale con ansa a "U"


CAPITOLO 8.
VITI

Introduzione

Vite ad espansione

Vite a trapezio

Vite mini settoriale

Vite bi-ventaglio

Vite Bretoni

Vite di Steiner

Micro-vite a bullone

Vite a molla memoria

Vite a trazione

Vite Beutelspacher

Vite a ventaglio

Vite a leva


CAPITOLO 9.
MOLLE

Introduzione

Molle palatine:

1) Molla a zeta semplice

2) Molla a fisarmonica

3) Molla retroincisiva semplice

4) Molla retroincisiva

5) Molla a zeta doppia

6) Molla semplice totale

7) Molla a T

8) Molla ad occhiello

9) Molla a S

10) Molla con ansa ad U

11) Molla con ansa a S

12) Molla a balestra

13) Molla a spatola

14) Molla di Coffin

15) Molla per ADA

16) Molla a bandiera

Molle vestibolari:

1) Molla a calice

2) Molla a cuore

3) Molla a T rovesciato

4) Molla a cantilever

5) Molla a grembiule


CAPITOLO 10.
ELEMENTI AUSILIARI

Introduzione

1) Rialzo occlusale anteriore

2) Rialzi occlusali posteriori

3) Molle su rialzi occlusali posteriori

4) Tubi per arco extra orale

5) Uncini per trazioni

6) Schermo vestibolare in resina

7) Griglie

8) Lip-bumper

9) Pelotas vestibolari

10) Uncini per intrusione

11) Alette in resina inferiore

12) Stimolatori linguali


CAPITOLO 11.
METODOLOGIA COSTRUTTIVA DELLA PLACCA DI SCHWARZ

Progettazione tecnica

Posizionamento della vite

Bloccaggio degli elementi metallici

Preparazione del modello

Resinatura

Polimerizzazione

Sgrassatura

Rifinitura e lucidatura


CAPITOLO 12
COSTRUZIONE COMPONENTI METALLICI

Costruzione dei ganci di Adams

Costruzione dell'arco vestibolare


CAPITOLO 13.
PLACCA VESTIBOLARE

Introduzione

Cenni storici

Vantaggi

Possibilità di applicazione

Realizzazione della placca vestibolare

Progettazione tecnica

Realizzazione dei ganci

Realizzazione della molla

Realizzazione dell'arco vestibolare

Costruzione dei cavalieri

Bloccaggio dei componenti metallici

Montaggio viti

Isolante

Inzeppatura

Polimerizzazione

Sgrossatura

Rifinitura

Lucidatura


CAPITOLO 14.
DISPOSITIVI MOBILI COMBINATI

Introduzione

Principali dispositivi misti

Controindicazioni


CAPITOLO 15.
ORTODONZIA FUNZIONALE

Le terapie funzionali

Crescita del mascellare

Crescita verso l'esterno

Definizione degli attivatori funzionali

Morso di costruzione

Gestione degli attivatori

Schermi orali


CAPITOLO 16.
ATTIVATORE DI ANDRESEN

Cenni storici

Terapie

Generalità

Il corpo dell'Andresen

Archi vestibolari

Ausiliari

Montaggio in occlusore

Metodologia di costruzione dell'attivatore di Andresen

Bloccaggio degli elementi metallici

Preparazione del modello

Resinatura

Polimerizzazione

Sgrossatura

Rifinitura e lucidatura


CAPITOLO 17.
BIONATOR DI BALTERS

Storia

Terapie

Generalità

Corpo del Bionator

Ansa linguale

Arco vestibolare

Ausiliari

Metodologia di costruzione dell'attivatore Bionator di Balters

Ceratura

Bloccaggio degli elementi metallici

Preparazione del modello

Resinatura

Polimerizzazione

Sgrossatura

Rifinitura e lucidatura

Terminologia usata per fresare il Bionator

Movimenti dentali ottenibili per mezzo della fresatura del Bionator

O.S.A. (Open Semiflexible Activator)


CAPITOLO 18.
REGOLATORE DI FUNZIONE

Introduzione

Indicazioni del regolatore di funzione

FR1

Costruzione e componenti

FR2

Costruzione e componenti

FR3

Costruzione e componenti

FR4

Costruzione e componenti

Ausiliari


CAPITOLO 19.
TWIN BLOCK

Introduzione

Storia

Generalità

Le terapie del Twin Block

Morso di costruzione

Costruzione del Twin Block


CAPITOLO 20.
SISTEMI FUNZIONALI A MAGNETI

Introduzione

Elevato rapporto forza/volume

Massima forza a distanze brevi

Orientamento centripeto tridimensionale della forza magnetica attrattiva

Nessuna interruzione delle linee di forza magnetica da parte di tessuti interposti

Mancanza di attrito nel sistema di forze attrattive

Nessuna perdita di energia

Sistema magnetico funzionale

Sistema magnetico multiuso DF

Terapie di applicazione

Costruzione

Costruzione dei dispositivi magnetici

Realizzazione elementi metallici

Bloccaggio degli elementi metallici

Posizionamento della vite

Inzeppatura

Rifinitura e lucidatura


CAPITOLO 21.
MODELLATORE DEL MORSO

Cenni storici

Indicazioni

Morso di costruzione

Descrizione componenti apparecchi di Bimler

Svantaggi tecnici e clinici


CAPITOLO 22.
PLACCHE FUNZIONALI DI CERVERA

Storia ed introduzione

Componenti apparecchi di Cervera

Regole costruttive


CAPITOLO 23.
DOPPIE PLACCHE DI AVANZAMENTO

Cenni storici

Indicazioni

Sistema elastico a doppia placca di Schaneng

Metodologia di costruzione della doppia placca

Realizzazione placca inferiore

Realizzazione placca superiore

Saltamorso di Sander

Metodologia di costruzione del saltamorso

Realizzazione placca inferiore

Realizzazione placca superiore


CAPITOLO 24.
ORTODONZIA FISSA

Storia

Terapie

Dispositivi ortodontici fissi

Brasatura

Puntatura

Generalità sugli elementi base per la tecnica fissa diretta

Bande ortodontiche

Attacchi ortodontica

Cannule ortodontiche

Dispositivi complementari

Archi ortodontica

Scelta delle bande

Prova delle bande e scartatura del modello


CAPITOLO 25.
ESPANSORE RAPIDO PALATALE

Cenni storici

Generalità

Evoluzione della vite per l'espansione del palato

Regole costruttive

Gli ausiliari

Metodologia di costruzione


CAPITOLO 26.
CERNIERA DI HERBST

Cenni storici

Indicazioni cliniche

Vantaggi

Fasi di costruzione

Metodologia di costruzione

Evoluzione della cerniera


CAPITOLO 27.
LIP – BUMPER

Cenni storici

Generalità

Regole costruttive

Metodologia di costruzione

Lip Bumper con schermo in resina

Lip Bumper preformato in plastica


CAPITOLO 28.
FERULE DI DELAIRE

Cenni storici

Generalità

Regole costruttive

Metodologie di costruzione

Ferula anatomica

Ferula diritta

Maschere facciali

Cenni storici

Generalità

Tipi di maschere


CAPITOLO 29.
TRAZIONI EXTRA-ORALI

Cenni storici

Generalità

Regole costruttive

Metodologia di costruzione


CAPITOLO 30.
MANTENITORI DI SPAZIO

Introduzione

Diagnosi

La gestione dello spazio residuo

Guida alla scelta dei mantenitori di spazio

Mantenitori di spazio fissi

Mantenitori di spazio fissi passivi

Mantenitori di spazio fissi attivi

Mantenitori di spazio mobili

Mantenitori di spazio mobili passivi

Mantenitori di spazio mobili attivi

Regole costruttive e metodologia di costruzione


CAPITOLO 31.
BARRA DI GOSHGARIAN

Cenni storici

Generalità

Progettazione tecnica

Regole costruttive

Ausiliari

Metodologia di costruzione della barra fissa


CAPITOLO 32.
ARCO SALDATO

Cenni storici

Generalità

Regole costruttive

Ausiliari

Metodologia costruttiva


CAPITOLO 33.
DISPOSITIVI DISTALIZZANTI FISSI

Introduzione

Storia

Principali dispositivi distalizzanti fissi

Trazione extraorale

Placca distalizzante di Cetlin

Arco bimetro di Wilson

Dispositivo per la distalizzazione di Keller

D.O.S. (Distalizing Orthodontic System)

Dispositivo fisso palatale distalizzante

Curcant

Magneti a repulsione

Pendulum

Locasystem

Jones Jig

Distal-Jet

First Class

Dispositivo palatale per la distalizzazione dei molari

Distal 8

Distalizzatore forzato

Distalizzatore Veltri

Fast Back

Keles Slider

Distal Metal

Sistemi di ancoraggio implantari

Il Distal Metal

1) Metodologia di costruzione

2) Applicazione e funzionamento

3) Biomeccanica

4) Vantaggi svantaggi

Conclusioni

Bibliografia


CAPITOLO 34.
LASER IN ORTODONZIA

Introduzione

Cenni storici

Possibilità applicative

Valutazioni tecniche

BIBLIOGRAFIA