Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - Fax 051.545.514 - info@edizionimartina.com


Il carrello Ŕ vuoto
Autore Titolo Indice

 

Sei il visitatore numero

 




Prefazione
Indice
 

Suture e lame chirurgiche in odontoiatria

CHECCHI L.

Pag. 108 - 159 illustrazioni a colori

ISBN 978-88-7572-015-0

SCONTO NEWSLETTER

Prezzo di copertina 70,00 €

Prezzo scontato

30,00 €

Quantità


Prefazione

Questo testo - prende forma da quello precedente - eseguito in collaborazione con due colleghi, la dott.ssa M. Armandi ed il dott. M. Franchi ai quali vanno ancora i miei ringraziamenti per il lavoro allora svolto - con l'aggiunta di quei completamenti, aggiornamenti e chiarificazioni che la ricerca, la didattica e la clinica hanno portato in questi ultimi anni.

La terza edizione delle suture in odontoiatria nasce dalla consapevolezza che questa disciplina viene dal clinico più vissuta che studiata con successive problematiche nei processi di guarigione e nel successo finale. Appare quindi importante far presente l'estrema delicatezza di questa materia che viene abitualmente - come ricerca ed informazione - lasciata nelle mani delle case produttrici di suture.

Letteralmente suturare significa cucire od accostare i margini di un tessuto mantenendoli uniti fino alla guarigione. La sutura chirurgica rappresenta la fase terminale di numerose procedure operative odontoiatriche di piccola chirurgia orale (estrazioni, apicectomie, frenulectomie, rimozioni di formazioni cistiche o tumorali, ecc.) o parodontali (chirurgia muco-gengivale, chirurgia ossea resettiva o ricostruttiva, ecc.) o di tipo preprotesico (regolarizzazione dei processi alveolari, abbassamento del fornice vestibolare, rimozione di tori mandibolari, ecc.) o maxillo-facciali, ed è spesso determinante per la prognosi di un intervento.

La sutura protegge l'area della ferita, migliora il comfort del paziente durante le fasi di guarigione, conserva la ferita libera da detriti e controlla il sanguinamento locale. La sua corretta esecuzione è infatti responsabile di una migliore e più rapida guarigione tissutale, mentre al contrario, una sua scorretta manipolazione può ritardare la guarigione ed inficiare il risultato finale. Per raggiungere tale obbiettivo è necessario che l'operatore abbia:

a) una padronanza delle tecniche di sutura tale da consentirgli di eseguirle nel rispetto della qualità e quantità dei tessuti presenti
b) un'adeguata conoscenza delle caratteristiche strutturali dei materiali utilizzati, al fine di potere operare sempre una scelta mirata
c) nozioni specifiche relative alla cavità orale.

A questo proposito si ricorda che il materiale da sutura non viene completamente sommerso, ma una sua porzione è esposta nell'ambiente orale ricco di tante specie batteriche ad oggi non completamente identificate. Il materiale deve inoltre "funzionare" nonostante i continui movimenti (delle strutture anatomiche) che si producono durante la deglutizione, la masticazione e la fonazione. Occorre inoltre considerare la presenza di nicchie ecologiche completamente diverse, l'influenza del grado di igiene orale ed il tipo di guarigione che appare quantomeno peculiare poiché i tessuti molli vengono posizionati anche su superfici (cemento e/o dentina radicolari) avascolarizzate.

Questo manuale nasce perciò con l'intento di fornire all'odontoiatra un aiuto per orientarsi nella scelta, a seconda del quadro clinico presente, fra gli innumerevoli materiali da sutura oggi in commercio nonché presentare un breve excursus fotografico delle lame maggiormente in uso nella chirurgia orale. Dopo una prima parte riguardante i processi di guarigione in cavità orale vengono quindi descritte ed analizzate forma e struttura dei materiali da sutura, con particolare riferimento alle loro proprietà fisiche e biologiche, mentre successivamente sono evidenziate le differenti scelte merceologiche. Strumentario, tecniche di sutura e lame completano questo manuale, proposto quindi come un vademecum di aiuto allo studente ed al clinico nella conoscenza e nell'uso di questi materiali e tecniche.

L. Checchi

Indice

PREFAZIONE

1 - LA GUARIGIONE DEI TESSUTI DEL CAVO ORALE

• Guarigione per prima intenzione

• Guarigione per seconda intenzione

• Guarigione per terza intenzione

• Aspetti istologici della guarigione della ferita

• I fattori che influenzano la guarigione


2 - MATERIALI PER ACCOSTARE I MARGINI DELLE FERITE:

• AGHI CHIRURGICI

• Caratteristiche ideali e strutturali
• Parti costituenti
• Forma
• Dimensione o lunghezza

• FILI DA SUTURA

• Caratteristiche ideali
• Classificazione
• Fili naturali:

Catgut
Catgut cromico
Collagene
Seta
Lino
Cotone

• Fili artificiali:

Acciaio

• Fili sintetici:

Polyglactin 910
Polyglactin 910 Rapid
Polidiossanone
Poliglecaprone Monocryl
Poliammide
Poliestere
Polipropilene
Politetrafluoroetilene


3 - PROPRIETÀ FISICHE DEI FILI DA SUTURA

• Capillarità

• Resistenza alla trazione

• Elasticità o Memoria

• Plasticità

• Maneggevolezza

• Scorrevolezza

• Calibro


4 - PROPRIETÀ BIOLOGICHE DEI FILI DA SUTURA

• Biocompatibilità


5 - CONTROVERSIE SULLE SUTURE IN CHIRURGIA (di G.A. Pelliccioni)

• Conclusioni


6 - MANIPOLAZIONE DEI MATERIALI DA SUTURA

• CONFEZIONAMENTO

• Scatole sigillate
• Involucro secondario
• Involucro primario
• Scadenza del materiale da sutura
• Alloggiamento interno del materiale da sutura

• GESTIONE

• Passaggio del materiale da sutura nella zona sterile
• Armatura dell'ago con la pinza portaghi
• Particolari accorgimenti suggeriti per alcuni fili
• Gestione intraoperatoria del materiale da sutura


7 - STRUMENTARIO NECESSARIO PER L'ESECUZIONE DI UNA SUTURA CHIRURGICA

• Ago con filo da sutura

• Pinza portagli

• Pinzetta anatomica e/o chirurgica

• Forbicine


8 - I NODI CHIRURGICI

• CLASSIFICAZIONE

• Nodo chirurgico semplice

seminodo
semichiave

• Nodo piano o nodo quadrato

• Nodo di traverso o nodo di vacca

• Nodo chirurgico completo o di attrito

• Nodo di Toupet o chiave completa

• TECNICA DI ESECUZIONE DEL NODO CHIRURGICO COMPLETO CON L'AUSILIO DEL PORTAGHI


9 - LE TECNICHE DI SUTURA

• SUTURE INTERROTTE

• Punto ad "O"

verticale
orizzontale

• Punto ad "8"

• Punto ad "U"

orizzontale
verticale

• Punto ad “X”

• Sutura transpapillare

• SUTURA PERIOSTEA

• SUTURE CONTINUE

• Suture a materassaio

orizzontale
verticale

• Sutura a spirale

• Sutura continua bloccata

• Suture sospese

ad un lembo
a due lembi

• Sutura di Rosner

• Sutura a laccio di scarpa o "Bootlace"

• SUTURE DI COMPRESSIONE

• Sutura di Ochsenbein

• Sutura di Kramer

• INDICAZIONI PER L'UTILIZZO CLINICO DELLE TECNICHE DI SUTURA


10 - LA RIMOZIONE DEI PUNTI DI SUTURA


11 - LE LAME (di G.A. Pelliccioni)

• Cenni storici

• Merceologia degli acciai

• Strumenti per la microchirurgia

• II tagliente delle lame da bisturi


12 – BIBLIOGRAFIA

CONSIDERAZIONI DELL'AUTORE